Pan di Spagna a regola d’arte

a PdS

Questo è il primo di una serie di post che farò sulle basi della pasticceria, cioè tutti quegli elementi fondamentali che combinati insieme e con qualche variante, vanno a comporre l’ infinito universo dei dolci. Cercherò di darvi delle dritte per evitare gli errori più comuni, perché, come tutte le ricette con pochi elementi e quindi apparentemente semplici, in realtà nasconde molte insidie. Naturalmente sono graditi consigli per raggiungere il Pan di Spagna perfetto!!

Ingredienti:

250 g di uova (un uovo pesa circa 50 g), 175 g di zucchero, 150 g di farina debole, 50 g di fecola di patate, 1 bacca di vaniglia.

Attrezzatura:

Planetaria con frusta fine, pennello per ungere, tortiera o teglia, unghia (spatola), mestolo forato, frustina, pentolino.

Procedimento:

Prima di iniziare a montare le uova, scaldarle in un pentolino con lo zucchero e la vaniglia fino ad arrivare alla temperatura di 45 °C e mescolando con una frustina. Questo accorgimento aiuterà le uova a montare meglio. Mettere il composto nella vasca della planetaria e montare con la frusta fine, scegliere una velocità né troppo lenta né troppo violenta, fino a ottenere un composto spumoso e chiaro. Disarmare la planetaria e versare a pioggia le farine già setacciate, mescolare in modo regolare dal basso verso l’alto con il mestolo forato, badando che non rimangano grumi di farina sul fondo. Versare il composto nella tortiera imburrata e infarinata fino a 3/4 dal bordo, aiutandosi con l’unghia e procedendo delicatamente per non rompere le bollicine d’aria. Si consiglia di infossare leggermente il centro della tortiera, per ottenere dopo la cottura una superficie piana. Infornare immediatamente a 190 °C per 20 minuti circa.

Errori da non commettere:

  • Non avere il forno a temperatura quando tutto è già pronto (smonta).
  • Usare una farina troppo forte (diventa elastico e gommoso)
  • Mescolare troppo la montata incorporando la farina (smonta).
  • Lasciare chiazze non imburrate e infarinate nella tortiera.
  • Non scaldare le uova prima di montare.
  • Non infossare al centro

. Conservazione:

Si può congelare così è più facile da tagliare, o conservare in frigorifero avvolto in un foglio di plastica, oppure all’aperto, ma senza plastica per evitare la condensa e quindi la formazione di muffa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.