Pavlova panna e fragole

Piccole Pavlova monoporzione

pavlova

E Pavlova sia, era molto tempo che desideravo fare questo dolce, una meravigliosa nuvoletta bianca di meringa e panna, che solo a vederla ti ci tufferesti dentro. Ogni volta ero trattenuta dalla lunga cottura della meringa, ma poi mi sono decisa e devo dire che ne sono entusiasta! La pavlova è un dolce magico non solo per questo suo aspetto quasi etereo, inconsistente, che se solo lo stringi un po’ di più si frantuma in mille pezzi, ma anche per le sue origini così affascinanti. Pensate che la storia narra che uno chef probabilmente australiano, si innamorò della bellissima ballerina russa Anna Pavlova e ne fu talmente ispirato da creare questa meraviglia.

pavlova

Pavlova

Ingredienti:

  • 150 g di albumi
  • 150 g di zucchero a velo
  • 150 g di zucchero superfino
  • 1 cucchiaino di amido di mais
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • fragole o frutta a piacere
  • 400 g di panna fresca

Procedimento:

  • Preparare le meringhe: montare in planetaria (o con fruste elettriche) gli albumi con 3/4 degli zuccheri, la montata deve essere bella ferma. Aggiungere a mano il restante zucchero e l’amido di mais setacciati, più il succo di limone, mescolare con una spatolina di silicone dal basso verso l’alto.
  • Preparare un foglio di carta forno, disegnare dei cerchi con la matita seguendo il contorno ad esempio di un bicchiere. Capovolgere il foglio e posizionarlo su una teglia, con l’aiuto di un sac à poche senza bocchetta creando un apertura di circa 2 cm,  seguire la traccia dei cerchi disegnati e fare tre strati di meringa, dando la forma quasi a nido.
  • Infornare a 105 °C per 75 minuti, poi spegnere il forno e lasciare riposare per 15 minuti. Staccare delicatamente le meringhe dalla carta forno e una volta fredde o conservarle in una scatola di latta anche per giorni, o farcirle subito con abbondante panna montata e frutta fresca a piacere, nel mio caso fragole.

Grazie per essere passata/o sul mio blog, mi piacerebbe se tu mi lasciassi un commento, un consiglio o anche un semplice saluto, qui sotto

 

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.